A Hug: the Miracle Drug
“We need four hugs a day for survival. We need eight hugs a day for maintenance. We need twelve hugs a day for growth.” —Virginia Satir, family therapist
Così inizia il libro di Lisa J. Lehr “Un abbraccio: la droga miracolosa”: “Abbiamo bisogno di 4 abbracci al giorno per la sopravvivenza, di 8 abbracci al giorno per sostenerci, di 12 abbracci al giorno per crescere” -Virginia Satir-Terapeuta per le famiglie

Mi piace continuare con stralci di questo testo…semplice ed eloquente…

“Abbracciare fa bene alla salute!
La tua pelle è un organo di senso. Abbracciare aumenta la produzione del corpo di endorfine, le sostanze chimiche per “sentirsi bene”. Rafforza il sistema immunitario del corpo, riduce lo stress, aiuta ad alleviare la depressione e induce il sonno. È anche energizzante. Abbracciare è gratuito, può essere apprezzato da chiunque e non ha effetti collaterali negativi. Abbracciare veramente può essere chiamato un farmaco miracoloso.

I bambini hanno bisogno di abbracci.
Abbracciare aiuta a sviluppare l’autostima e il benessere generale dei bambini. Li fa sentire meglio con se stessi e il loro ambiente; li rende più affettuosi e comunicativi; allevia la solitudine, la frustrazione, l’ansia e altre emozioni negative e apre le porte a sentimenti che i bambini potrebbero aver bisogno di condividere, riducendo la probabilità di comportamenti fuori dai regolari schemi. I bambini che non sono regolarmente abbracciati dai genitori di solito crescono sviluppando difficoltà a legare con altre persone. Gli specialisti dall’infanzia hanno iniziato ad usare abbracci e altri tipi di terapia tattile per curare i bambini abusati.”

Nell’abbraccio infatti l’organo di senso protagonista è il TATTO, intendendosi qui per tatto un “contatto soddisfacente, che può avvenire con le carezze, le coccole, gli abbracci, l’aggrapparsi”. Già Ashley Montagu nel 1979 insisteva sull’importanza delle pelle quale organo determinante nello sviluppo del comportamento umano… ed il piacere tattile soddisfacente nella prima infanzia svolge ruolo fondamentale nello sviluppo dell’individuo. Il bambino ha bisogno di apprendere sulla solida base del tatto cosa significhino intimità, prossimità, distanza e…distacco.
A questa importantissima età della vita, la prima infanzia e ancor prima la prenascita saranno dedicati molti approfondimenti futuri.
A Natale lascio alle Mammine un pensiero di J.P.Sartre (1943): LA CAREZZA NON E’ UN SEMPLICE SFIORARE, E’ FORMARE”

…e torniamo a Lisa J.Lehr…

“Anche gli adulti hanno bisogno di abbracci
Abbracciare è terapeutico non solo per i bambini ma anche per gli adulti. Soddisfa il profondo bisogno fisico ed emotivo di contatto che tutti gli umani hanno. A seguito delle scoperte scientifiche che confermano i benefici fisiologici, l’abbraccio viene addirittura usato per curare alcune malattie fisiche. Ad esempio, il tocco stimola le terminazioni nervose, aiutando così ad alleviare il dolore. Uno studio ha dimostrato che la convivenza con animali domestici migliora la sopravvivenza dei pazienti cardiopatici. Come? Gli animali domestici adorano essere abbracciati e adoriamo abbracciarli. Le coccole di animali domestici hanno un effetto calmante che abbassa la pressione sanguigna e riduce i livelli di stress negli infartuati. Abbracciare ha anche benefici sociali. Le persone che abbracciano altre persone hanno meno probabilità di toccarsi nervosamente le mani, i capelli e mangiarsi le unghie.

Abbracciare ti rende più intelligente
La ricerca ha persino scoperto che l’abbraccio stimola le cellule cerebrali. “Secondo lo studioso sull’Intelligenza Jay Gordon, MD, co-autore di “Bambino più luminoso” , nuovi studi dimostrano che i bambini che sono più a lungo coinvolti in contatti fisici, come lunghi abbracci,sono più intelligenti.
“Più contatto fisico si ottiene, più le cellule cerebrali vengono stimolate, creando sinapsi cerebrali più forti e più veloci e aumentando il QI.” “(Jenn Hollowell, eHow Editor, in” What Is Hug Day?”

“In modo miracoloso le potenzialità reali di un abbraccio sono descritte in una commovente storia intitolata “The Hugging Judge” in “Zuppa di pollo per l’anima” di Jack Canfield e Mark Victor Hansen. Si tratta di Lee Shapiro, un giudice in pensione, che ha capito che l’amore è il più grande potere che esiste e ha iniziato ad offrire a tutti un abbraccio. Alcuni anni prima aveva creato il Kit Hugger. .. 30 piccoli cuori rossi ricamati . Shapiro tirava fuori il suo kit, girava intorno alla gente e offriva loro un piccolo cuore rosso in cambio di un abbraccio. Ben presto, divenne una celebrità per la sua diffusione di tale messaggio di amore incondizionato … fu invitato in una casa per malati terminali, gravemente ritardati e tetraplegici.. Accompagnato da un team di medici e infermieri, continuò la sua routine di abbracciare e distribuire piccoli cuori rossi fino a che giunse nel reparto con i casi peggiori. L’ultima persona, di nome Leonard, che Shapiro dovette abbracciare, stava sbavando sulla sua grande pettorina bianca; “Non c’è modo di penetrare questa persona” pensò Shapiro..Ma alla fine si chinò e abbracciò Leonard. Questo è ciò che seguì, nelle parole dell’autore: “All’improvviso Leonard cominciò a strillare:” Eeeeehh! Eeeeehh!
“Alcuni degli altri pazienti nella stanza cominciarono a risuonare di conseguenza. Shapiro si rivolse allo staff per una sorta di spiegazione,e realizzò che ogni dottore, infermiera e inserviente stava piangendo. “Shapiro chiese alla capo-infermiera: ‘Cosa sta succedendo?’ “Shapiro non dimenticherà mai quello che lei disse: ‘Questa è la prima volta, da 23 anni a questa parte che abbiamo visto Leonard sorridere.’ “Ci vuole solo un abbraccio, un abbraccio sincero e caloroso, per cambiare la vita degli altri. Provalo. Funziona.” ” Non posso aggiungere molto a questo”

Non può aggiungere l’autore ..cosa possiamo aggiungere???

Parliamo di ringiovanire?
Un semplice abbraccio ha effetti benefici sull’ossigenazione del sangue. Quando abbracciamo una persona, rafforziamo il suo organismo stimolando la produzione di emoglobina, che trasporta l’ossigeno ai tessuti. Quando essi ricevono ossigeno, hanno con sé una nuova energia che permette al nostro corpo di ringiovanire.

Parliamo si stress?
Abbracciarsi è un ottimo rimedio per alleviare lo stress. Lo hanno dimostrato gli scienziati della Medical University di Vienna. Il merito è dell’ossitocina, ormone del buonumore, della felicità,dell’amore… L’ossitocina viene rilasciata dal nostro organismo durante gli abbracci, contribuendo a contrastare lo stress.

Altri benefici… abbassamento della pressione sanguigna… abbassamento della frequenza cardiaca nelle donne in premenopausa… maggiore produzione di endorfine che rafforzano il sistema immunitario del corpo… riduzione dell’ansia, poiché allevia dalle paure esistenziali… accrescimento dell’autostima… persino una pacca sulla spalla incoraggia l’autostima… diminuzione della pressione arteriosa e del cortisolo (ormone la cui funzione principale è indurre l’aumento della glicemia)…

In conclusione… non abbracciamoci solo a Natale… abbracciamoci sempre…di più !
Se proprio non ci comanda il cuore… che credo fermamente contibuisca al benessere di che abbraccia e di chi riceve l’abbraccio… abbracciamo per mantenerci giovani… o più sereni… o rinforzare il sistema imunitario…
E’ un buon inizio…il resto… consegue naturalmente.

Facebook
LinkedIn